Gianluca Stival
Gianluca Stival
Gianluca Stival
5.5C
Venezia
sabato 06 Marzo 2021
HomeVenezia cambiaLa Venezia che cambia: addio barbieri. Attività che spariscono dopo decenni

La Venezia che cambia: addio barbieri. Attività che spariscono dopo decenni

La Venezia che cambia: addio barbieri. Attività che spariscono dopo decenni

La crisi. La mancanza di “vocazioni” delle nuove generazioni. Gli affitti “impossibili” di Venezia. Ognuno troverà la sua spiegazione all’ennesimo fenomeno di cui siamo testimoni. Per anni, lustri, decenni, alcuni di loro hanno accompagnato la vita fin da quando si era bambini. Loro erano “complici”, amici, anche se si entrava accompagnati dalla mamma.

Barba, taglio e capelli, così si andava dal barbiere vicino a casa, si scambiavano quattro chiacchiere, qualche innocente pettegolezzo, si commentavano le notizie del giorno. Magari due barzellette che ti predisponevano al buon umore.

Un posto, una bottega odor di sapone e un tempo di brillantina, caratterizzava la bottega del barbiere, che oggi in centro storico è sempre più difficile scovare.

Se ne contano oggi solo 7 e quarant’anni fa erano oltre trenta, in una Venezia abitata e vissuta. Molti anziani ricordano la bottega del barbiere con nostalgia, c’era chi raccontava barzellette, chi addirittura intonava brani di opere liriche.

Nemmeno i barbieri sono usciti indenni dallo spopolamento della città. Di questo calo ne hanno risentito anche i negozi di parrucchiere “per signora”, che dal 1976 sono scesi da 186 a 112.

Preoccupazione per questo settore la esprime la Confartigianato con Enrico Vettore, pur riscontrando una tenuta dei centri d’estetica, che sembrano rispondere alle esigenze di una clientela più giovane.

Le ragioni della crisi, la Confartigianato le coglie nella crisi economica, per cui per molte persone andare dal parrucchiere diventa un lusso che non si possono permettere. E poi c’è la concorrenza, definita “sleale”, delle catene di negozi stranieri (soprattutto cinesi), che offrono un servizio coiffeur a pochi euro, alle botteghe nei centri commerciali, a “taglio e barba” a domicilio.

Addio quindi ai barbieri, a quel posto di svago e ritrovo, se non verrà rivista la normativa europea che ha sancito il blocco delle licenze e se non si prevederanno affitti possibili in difesa “del mestiere”, che è anche arte e testimonianza.

E addio anche a quella socialità che negli anni ha segnato la quotidianità, ispirato scrittori e registi, che attraverso la bottega del barbiere, hanno offerto uno spaccato illuminante della società.

Andreina Corso

(foto: negozio di “Bepi e Claudio”, barbieri per oltre 40 anni in Campo SS. Giovanni e Paolo)

Data prima pubblicazione della notizia:

sponsor

2 persone hanno commentato

  1. Adesso c’è un acconciatore,forse anche questo è un segno dei tempi.oggi dal barbiere ci vanno i vecchi quelli che non si radono a casa o a zero.risultato?chiudono perché non conviene.Fra un po’ andremo dai frati per i capelli e per mangiare.Chissà forse non sarà poi tanto male,almeno ci ritroveremo fra persone che hanno voglia di stare insieme

Vuoi lasciare un commento? Nessuna registrazione necessaria

Please enter your comment!
Please enter your name here

Le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate [il video]

Rialto, la banda di aggressori ha le ore contate. Hanno urinato sul ponte di Rialto e colpito chi li ha rimproverati. Non sapendo, probabilmente, che...

“Ci viene impedito di issare la bandiera di San Marco. Danno alle generazioni veneziane”. Lettere

Riceviamo e pubblichiamo. "L' Associazione culturale wsm Venexia Capital tiene a far sapere che a Venezia non è possibile commemorare la nascita del Doge Morosini...

Auto si capovolge, giovane donna perde la vita. Ultima ora

Auto si capovolge, una giovane donna ha perso la vita. Un incidente mortale quello che si è verificato questa sera alle 21.30 a Salzano,...
spot

Aggressione a Rialto: denunciato un ventenne, individuati due amici

Il comandante della Polizia locale, Agostini: "Venezia è una città sicura e sotto controllo, grazie anche alla collaborazione con le altre forze di polizia...

Ricercato internazionale arrestato a Venezia, faceva colazione in un hotel di lusso

Come in un intrigo internazionale, di quelli che si vedono nei film o nei romanzi ad alta suspense , il giallo si conclude con...

Assembramenti a Venezia, Polizia chiude bar

Veneto ancora zona gialla ma non deve venire meno l'attenzione per le norme anti-contagio. Nella giornata di ieri, invece, la Sezione Polizia Amministrativa del Commissariato...
le notizie più lette dopo la pubblicità
Loading...

Concorso Letterario de “La Voce di Venezia”. Prima edizione: “Racconti in Quarantena”. La classifica

» vota il tuo racconto preferito » vai alla presentazione del concorso » leggi tutti i racconti arrivati

Morto Antonio Catricalà. E’ suicidio

Antonio Catricalà è morto. Aveva 69 anni. Ex sottosegretario alla Presidenza del Consiglio ed ex Garante dell'Antitrust, Catricalà si sarebbe suicidato in casa. La scoperta...

Covid ospedaliero a Venezia in ripresa: 22 ricoveri in due giorni

Covid Venezia, numeri in ripresa di riflesso agli indicatori che arrivano dalla situazione regionale e nazionale. 22 altre persone si sono ricoverate in due giorni...
spot

Covid, a Mestre centro sabato tamponi rapidi gratuiti

Domani, sabato, a Mestre, in piazzale Donatori di Sangue, sarà possibile sottoporsi al test del 'tampone rapido'. L'esame sarà eseguito con tampone di terza generazione. In...

Nuovo Dpcm: niente riaperture fino a Pasqua

Nuovo Dpcm: il governo non allenta le misure. "Le variante inglese, a maggior diffusione, sarà presto prevalente. L'Rt si appresta a superare la soglia...

Aggiornamento Covid: balzo dei positivi

Covid Veneto: è allarme per un nuovo forte balzo dei positivi. Nuovi contagi Covid in Veneto oggi: si registrano 1.304 positivi al virus in 24...