COMMENTA QUESTO FATTO
 

VENEZIA | L'acqua alta ha flagellato la città , ma i danni avrebbero potuto essere ben maggiori se non ci fosse stata una campagna di informazione massiccia e capillare sull'alta marea. L’Istituzione Centro Previsioni e Segnalazioni Maree ha elaborato un primo bilancio della campagna informativa messa in atto in occasione della marea eccezionale della notte di ieri e della marea molto sostenuta, ai limiti dell’evento eccezionale, di ieri mattina:la permanenza della marea sopra i 110 cm per 14 ore e 15 minuti pone l’evento al secondo posto nella graduatoria storica dopo il 4 novembre 1966.

L’attività  di previsione, segnalazione, allertamento del Centro Maree può essere riassunta con questi numeri: 37 bollettini e 8 allertamenti inviati via e-mail per un totale di 773.450 e-mail, 9 campagne di sms ai 42.676 iscritti al servizio (di cui 3841 iscritti in questi giorni), 47 aggiornamenti del bollettino in segreteria telefonica.

Sull’altro versante, la richiesta di informazione dei cittadini può essere riassunta con le 85.439 chiamate alla segreteria telefonica in cinque giorni, delle quali 55.119 mercoledì e giovedì; negli stessi giorni si calcola che siano stati 130-140 mila i visitatori delle pagine Internet del Centro Maree; l’applicazione hi!Tide è stata tra le dieci più scaricate in Italia.

Roberto Dal Maschio
[redazione@lavocedivenezia.it]

Riproduzione Vietata
[02/11/2012]


titolo: E' STATA L'ACQUA ALTA PIU' LUNGA DOPO IL '66 | I numeri della prevenzione
foto: SIRENE (REPERTORIO)


 
ASSOCIAZIONE LA VOCE DI VENEZIA 5X1000
 

Riproduzione Riservata.

 

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here