Chirignago, carabinieri acciuffano ladro di biciclette

I Carabinieri di Spinea hanno tratto in arresto su ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Venezia per i reati di furto aggravato e ricettazione D.F.S., classe 1986, residente a Chirignago.

Alla vigilia dello scorso Natale i militari della Stazione Carabinieri di Spinea, acquisiti forti sospetti sulle attività illecite del giovane in ordine a una serie di furti di biciclette all’interno di abitazioni, chiedevano ed ottenevano una perquisizione domiciliare a suo carico. Il controllo portava al riscontro dei sospetti col rinvenimento di numerose biciclette ed accessori, in alcuni casi molto costosi, tanto da far scattare a carico del soggetto una denuncia per ricettazione.

I militari andando oltre questo primo riscontro, approfondivano le indagini allo scopo di far piena luce sulla provenienza delle biciclette anche al fine di individuarne i legittimi proprietari.

Dagli accertamenti svolti nelle settimane successive i Carabinieri riuscivano, tramite l’acquisizione di vari riscontri e dichiarazioni testimoniali, a dimostrare che era stato egli stesso a sottrarre una biciletta esposta alla pubblica fede (senza catenacci) a novembre, nonché ad acquisire e ricevere da sconosciuti altre tre bici oggetto di furto a dicembre e molte parti ed accessori di esse. Il tutto era proprio detenuto in casa e nel suo garage, insieme a numerose catene e lucchetti con chiari segni di effrazione, compatibili con la grossa tenaglia che pure faceva bella mostra di sé nel soggiorno di casa, senza poter dare una giustificazione palese e plausibile alla detenzione del materiale.

La circostanziata richiesta di misura cautelare avanzata dalla Stazione, che raccoglieva tutti gli elementi di accusa, veniva pienamente concordata dall’Autorità Giudiziaria che richiedeva l’esecuzione della misura cautelare in regime di arresti domiciliari.

I Carabinieri stanno in queste ore procedendo alla restituzione delle bici rinvenute e identificate ai legittimi proprietari.

Lascia un commento alla notizia che hai appena letto (nessuna registrazione necessaria)

Please enter your comment!
Please enter your name here